Gobi Sessions

by Luca Ciscognetti

supported by
/
  • Streaming + Download

    Includes high-quality download in MP3, FLAC and more. Paying supporters also get unlimited streaming via the free Bandcamp app.

      name your price

     

1.
02:14
2.
02:40
3.
4.
03:13
5.
02:20
6.
01:44

about

Registrato e missato da Massimo Volpe @ Fox Studio Lab

Masterizzato da Amaury Cambuzat (Ulan Bator/Faust)

Artwork di Marianna Pedrizzi

credits

released June 2, 2015

Un ringraziamento a mio padre, Luciano Labrano, Amaury Cambuzat, Massimo Volpe, Guglielmo, Alessandra, Marianna.

tags

license

all rights reserved

about

Luca Ciscognetti Naples, Italy

In relationship with dissonances since 2011.



SoundCloud: soundcloud.com/lucaciscognetti

contact / help

Contact Luca Ciscognetti

Streaming and
Download help

Track Name: Dispersione
Strette pareti, mi narcotizzano.
Le scariche, contorcono le membra e
il traballante cielo di ossidiana sopra di me,
annerisce il mio viso.

Attraversando l'afosa depressione:
odore di zolfo e piante marcescenti.
Coi tendini d'Achille scorticati,
superando il corso ceruleo.

I rami d'ebano squarciarono le nuvole e la grandine,
divenne vetro.

Verso il mio rifugio, stremato e annoiato.
Chiuso a chiave nella stanza,
con le retine invertite, corrose.
Dai pensieri.

Attraversando i freddi cespugli:
odore di licheni e di orzo maltato, corteggiano
il mio respiro.
Con le mani ferme, sui soffici cristalli.
Track Name: NE.ERI.GAL
L'oscurità strappò loro gli occhi, come gole infuse nella cupezza.
Muri disciolti, bollenti e liquefatti i corpi, come candele.
E un uragano arrivò, scaraventandoli violentemente nell'abisso.

Una pestilenza, che colava i loro colli sgozzati.
Trapassante: la discordia partorita da una folgore.

Poi un crepitio li stordì. La terra arse, e bruciò catene montuose con un enorme
muggito.
Egli è il fante del Caos.

Teste di leone, pendevano dalla sua mazza.
Terrorizzati e squarciati: gli oceani al suo passaggio

Più resistente del diaspro, la sua forza, comparabile a centinaia di migliaia di
sciami di locuste.
Spezza lo Spazio e il Tempo, in un solo colpo.
Track Name: Verso il Sole
Torbidi vortici che mi acquietano,
che mi sfregano, scuoiandomi.
Torbidi vortici che mi inquietano, che mi
cullano, schiaffeggiandomi.

Soffocati i focolari dall'ennesima marea.
Il mio sporco candore, stringe lucidamente la neve posata sulla spiaggia,
sul mio volto.

Ti tesi la mano sporcandola, e decorandola con sassolini.
O in quella parte della striscia costiera di Olympic, dove vivemmo,
meno di un'onda.
Rimembri?

Logorato il tessuto, mi reco prostrato
nei pressi della scogliera.
Quest'oggi il Sole mi ustiona, annegandomi.

Miscelo l'acqua sporca affiorata su di me, con quella del mare.
E danzo, con me stesso, tempestato dalle correnti.
Scorgo un battello a vapore all'orizzonte, arenato.
Track Name: Ginepro
Il Ginepro temprò la danneggiata spada, che
le permise di vagare,
vagare.
Nel giorno leggero.

I tormenti, seduti in cerchio, non si riconobbero.

Gli scuri fluidi pugnalavano lo stomaco, e
tessevano i loro fili, attorno
al sovraccarico e guasto alveare.
In cerca di un terreno distorto, nel quale si potesse
finalmente dormire.

Ma all'essere, usurpato dall'amante Tetra.

Con le sue esili mani conficcò corpi rugginosi e
assordato, e i Quadri,
che flagellarono le aride guance, una volta gioenti.
e strisciato via dal letto,
con le unghie spezzate.
Track Name: 1453
Nel lento defluire di queste giornate,
dal sapore vetroso, aspro.
Che viaggiano, come un dolce soffio di vento, affilato.
In misero equilibrio, un passo errato e due lance:
Una alla gola.
Una al petto.

Dissipo vanamente questi crateri grondanti di nero, come mai.
Incandescenti, irraggiando i fori del mio cranio,
col desiderio disperato di affondare in una distesa innevata,
che non c'è.

La memoria fu punta da un ago inchiostrato quel tempo.
Ed è proprio quel tempo, vuoto e dal colore sulfureo, che
mi blandisce con baci taglienti.

Tentennante.
Ormai amato solo dai ghiacci più fatui del Cocito.
Track Name: Lanterne
Passi cadenzati, gravi.
Un'ombra sul ponte, e un ronzio ferreo.
Seguito, da un macabro vociare disumano.

Vertendo attorno a quella, gli Elementi assistevano attoniti mentre la
furente chioma, mutilava il monastero.

Orbite cartacee intorno alla figura, dissolta.
Come la lucidità di chi sta marcendo.

Incrinate, le sue corna insanguinate.
Oltre quel devastato torii, la
cenere, ancora sospesa nell'aria.
Nella Notte.